Indice del forum AnsaHT.com

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Places and Legends __ Luoghi e Leggende
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 12, 13, 14
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> vorrei svegliarmi un giorno e ritrovare tutte le cose in cui credevo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1917

MessaggioInviato: Mer Dic 30, 2009 8:14 am    Oggetto: Rispondi citando


S&B, RIAA EQ LCR, Z=10K



Non, ce n'est pas nouvelle cuisine Smile

I moduli RIAA LCR da 10KOhm della S&B sono già stati trattati a pagina 8 del thread, ora tornano in argomento nell’ambito di un approfondimento teso a chiarire sperimentalmente le problematiche di messa a punto e taratura.

I moduli candidati alla sperimentazione non sono gli stessi, perciò il percorso inizia con una rilevazione della risposta, che risulta ben uniforme tra i due moduli, ma discrepante dalla tabella standard.
L’esemplare meno preciso ha fornito il seguente responso:

20Hz +0.58dB
50Hz +0.31dB
100Hz + 0.19dB
500Hz +0.14dB
1KHz 0dB
2KHz -0.3dB
5KHz -0.73dB
10KHz -1.27dB
15KHz -2.12dB
20KHz -3.43dB

Rispetto al passato il comportamento in gamma bassa è migliorato, al contrario in gamma alta le attenuazioni sono aumentate, in compenso l'andamento in gamma media è più naturale, perciò tutto sommato questa versione si fa preferire.
In definitiva basterebbe correggere il comportamento della seconda cella per dare ai moduli la necessaria precisione.
D’altro canto deve probabilmente trattarsi di un’operazione non semplice, altrimenti non si spiegherebbe come mai i tecnici S&B abbiano inizialmente immesso sul mercato pochi esemplari con tolleranze eccessive e poi in seguito abbiano desistito dal produrne altri.

Per approfondire la questione si passa alla fase successiva, che consiste nell’aprire uno dei moduli.
La componentistica interna è visibile nelle immagini; impressionano favorevolmente le notevoli dimensioni dell’induttore della prima cella, che praticamente impegna quasi per intero l’ottimo contenitore in mu metal, e attira l’attenzione il gap presente nel piccolo induttore della seconda cella, perché indica che il valore dell’induttore è modificabile sia in negativo che in positivo.







La prossima fase prevede la rilevazione dello schema e la misura dei parametri di ogni componente.



http://ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1917

MessaggioInviato: Mar Dic 24, 2013 8:50 am    Oggetto: Rispondi citando

Segnalo un'asta privata, ad opera di John Chapman, titolare Bent Audio:
http://www.audiocircle.com/index.php?topic=122057.0

Meritevole di segnalazione non è solo il carattere benefico dell'iniziativa, ma anche quanto proposto in asta, cioè lo step-up MU della Bent Audio, che, come spiega lo stesso John, ebbe commercializzazione fino a circa 5 anni fa.







In proposito va ricordato, che all'epoca la ditta inglese Stevens & Billington, che forniva alla Bent i trasformatori TX103 per lo step-up in questione e i TX102 per il preamplificatore passivo con volume a trasformatori, decise di creare una propria linea di apparecchi e conseguentemente interruppe le forniture a Chapman.
Quest'ultimo rimediò approvvigionandosi da Slagle, ma il calo di categoria fu notevole e la Bent non è più tornata allo stesso livello.
Da allora tra gli appassionati si usa far riferimento ai "trasformatori S&B dell'era Bent Audio", per intendere quella particolare evoluzione dei trasformatori TX102 e 103, capace di prestazioni strumentali e musicali da prima della classe.

In tema di prestazioni, il grafico a seguire (fonte Audioreview) illustra il comportamento in frequenza al variare dell'impedenza del generatore, nella classica configurazione 1:10.







Risalta la capacità di gestire generatori (cioè le testine) con impedenze molto alte e la frequenza di risonanza a oltre 100KHz.
Questi trasformatori si distinguono per la notevole induttanza primaria, pari a 14H complessivi (tra gli step-up è il valore più elevato in assoluto), congiuntamente alla capacità di salire tantissimo in frequenza... e trattandosi di caratteristiche che vanno a discapito una dell'altra, è lampante che si tratta di oggetti decisamente ben riusciti!



www.ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1917

MessaggioInviato: Gio Mar 12, 2015 7:46 pm    Oggetto: Rispondi citando



il caso Peerless-Altec 4722


I trasformatori stepup sono “bestioline” particolari, al punto che il più delle volte richiedono cure e comprensione.
Soprattutto comprensione.

Infatti a riguardo dei 4722, basterebbe capire che si tratta di step-up microfonici – operazione per altro non difficile, visto che c’è scritto sopra – per darsi pace sull’inadeguatezza di un utilizzo come stepup per testine MC.

Nei grafici riportati, di fonte Audioreview, è ben individuabile la risonanza collocata a 10KHz, conseguentemente la risposta in frequenza è limitata e soprattutto ci sono problemi nel dominio del tempo, come evidenzia l’immagine dell’onda quadra, rilevata con impedenza di 12 Ohm.




…………




A fronte di prestazioni tanto desolanti, in molti utilizzano i 4722 come stepup MC e li consigliano pure… il che tra l’altro ha favorito un commercio con quotazioni “a richiesta”!
Ebbene, per quanto ognuno abbia diritto di preferire ciò che vuole, è il caso di dire, che si tratta di pratiche ingiustificabili e in quanto tali da stigmatizzare.


www.ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1917

MessaggioInviato: Dom Mar 22, 2015 4:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Aggiudicata oggi in Auction Japan, una coppia di Tango EQ-L (prototipo degli EQ-2L), per un ammontare di 79.000 Y.









“ ★ Hirata Denki Seisakusho TANGO Tango LCR equalizer for coil EQ-2L prototype ★
◯ this time I will exhibit the coil set of phono equalizer.
◯ phono equalizer There are a variety of circuit, but most of equalizer in a simple CR, but when you consider the RIAA curve is thought to phase correction,
finally no choice but to go to the LCR equalizer.
◯ it was you to research and development to ask Hirata Electric Works in 1985,
is a coil unit for this time of the equalizer.
◯ inductance of the low-frequency side of this coil is a place of 1.8H contains a coil of 1.7H. ”



Il testo riportato sopra, è la traduzione Google, di una parte della descrizione in giapponese.



www.ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1917

MessaggioInviato: Mar Mar 24, 2015 10:31 pm    Oggetto: Rispondi citando

Tornando in argomento stepup 4722, si tratta di un vero e proprio caso, per via dei tanti estimatori… e tra questi anche personaggi notoriamente competenti.

Volendo azzardare qualche ipotesi giustificativa, può darsi che il picco in alta frequenza, oltre a schiarire la scena, con effetti evidentemente piacevoli, dissimuli anche la carenza a 15KHz, che diversamente sarebbe avvertibile.
Però la situazione è più complessa, in quanto il picco in questione comporta uno sfasamento e pertanto, come ben evidenziato dall’onda quadra, subentrano problematiche nel dominio del tempo… vedasi a tal proposito, quanto già detto al seguente link (onda quadra, transienti, accenti musicali, ecc): http://ansaht.com/phpBB2/viewtopic.php?t=252&postdays=0&postorder=asc&start=40

Il rapporto di trasformazione pari a 16.8, gioca verosimilmente a favore nei confronti diretti con altri stepup dal tipico rapporto 1:10.

Partendo quindi da quest’ultima considerazione, una possibile alternativa con rapporto similare, potrebbe essere l’Hashimoto HM-3





…………




Il rapporto di trasformazione dell’HM-3 è pari a 19.4 e la risonanza è collocata ad oltre 40KHz
Come visibile nei grafici (fonte Audioreview), il picco con pilotaggio a 12 Ohm, è appena accennato, così come lo sfasamento evidenziato dall’onda quadra.
L’impedenza sorgente ottimale, nel settaggio a più alto guadagno, è di circa 20 Ohm, pertanto il comportamento con testine aventi impedenza di 25 Ohm risulta complessivamente molto buono, con ampia e ben centrata estensione in frequenza e senza sfasamenti significativi.

È bene precisare, che i test sono stati fatti con un carico capacitivo di 100pF e non sempre la situazione è così favorevole.
Anche per questo motivo, è spesso preferibile non eccedere con il rapporto di trasformazione, quando l’impedenza della testina è ben oltre i 10 Ohm.



www.ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> vorrei svegliarmi un giorno e ritrovare tutte le cose in cui credevo Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 12, 13, 14
Pagina 14 di 14

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it