Indice del forum AnsaHT.com

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Power Triodes __ Triodi di Potenza
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> vorrei svegliarmi un giorno e ritrovare tutte le cose in cui credevo
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1900

MessaggioInviato: Dom Ago 29, 2010 1:42 am    Oggetto: Rispondi citando

Nei rispettivi archetipi, le valvole 851 e RS285 erano sostanzialmente equivalenti, per forma, dimensioni, connessioni e parametri elettrici.
In seguito entrambe vennero sviluppate con varie modifiche, che nel caso della 851 furono rispettose dello standard nativo, mentre nel caso della RS285 furono più radicali e interessarono anche forma e dimensioni.







Nella valvola RS285, la gestione meccanica del filamento fu concepita fin dall’inizio nel migliore dei modi, tanto da restare invariata nelle evoluzioni successive e venire poi adottata anche in alcune produzioni della valvola RS237.
Lo stesso non si può dire per la valvola 851, il cui filamento era inizialmente gestito in maniera semplicistica.







Come evincibile dall’immagine, il filamento era banalmente ancorato tramite molle, con la sola accortezza di un dischetto metallico interposto.
Quel sistema non garantiva adeguata precisione durante i cicli termici e sottoponeva ad eccessivo stress le molle.
Come descritto a pagina 7, quel sistema fu poi modificato, aggiungendo una piastrina ceramica e portando le molle a lavorare in compressione, anziché in espansione.







In seguito sia la 851 che la RS285 furono corredate di costose placche in graphite, il che aumentò ulteriormente la qualità strepitosa di queste valvole.

Per l’occasione la RS285 fu ridisegnata.
Il boccione centrale della valvola mantenne stessa altezza e stesso diametro, mentre le parti superiori ed inferiore, vennero significativamente accorciate, tanto da ridurre l’altezza complessiva ad una misura pari alle valvole con 300W di dissipazione (212, RS285J, 849, ecc).

Le valvole RS285 del nuovo tipo, furono prodotte sia con il getter, che senza.







http://ansaht.com


L'ultima modifica di ANSA il Ven Feb 18, 2011 7:33 pm, modificato 2 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1900

MessaggioInviato: Mar Ago 31, 2010 4:43 pm    Oggetto: Rispondi citando





All’avvento della valvola RS285 nuovo tipo, corrispose la dismissione del modello RS285J.
In questa concomitanza potrebbero risiedere le ragioni, che hanno indotto al ridimensionamento in altezza della nuova RS285. Probabilmente l’intenzione della Telefunken era di semplificare il catalogo, con un modello unico adattabile a plurime esigenze.

La nuova versione con placca in graphite fu anche migliorata nei parametri elettrici; in particolare la transconduttanza fu aumentata a 15,5 mA/V (il più alto valore in assoluto per triodi a riscaldamento diretto adatti ad uso audio) e l’assorbimento necessario per accendere il filamento fu ridotto di ben 2A, passando da 15,5A a 13,5A.

Per descrivere le caratteristiche del core, ho preferito una foto riguardante il nuovo modello, per dedicare una vista ravvicinata alla più bella placca prodotta dalla Telefunken.







L’aver scelto la versione con placca in graphite, non compromette la valenza generale della descrizione, in quanto le strutture di griglia e filamento sono identiche sui modelli RS285 old, RS285 new e RS285J.

Il lungo filamento disegna otto campate parallele all’interno della griglia e si distingue per il sistema di tensionamento, che senza dubbio è il migliore tra quelli noti.
L’architettura del tensionamento fa capo a otto molle e quattro trapezi ripartitori in acciaio; questi bilanciano equamente ogni singola campata e lo fanno senza imporre un angolo di piegatura acuto, al sottile filamento.
La tenuta in guida sul piano verticale, è dettata dal notevole spessore della piastra in ceramica, in cui sono ricavati i canali di scorrimento per gli steli delle molle.

Le spesse piastre in ceramica fungono da montanti, sopra e sotto la placca.
Ad esse è riferita anche la griglia, che, pur essendo convenzionalmente a spirale, si distingue dalle comuni griglie, per l’abbondanza degli alberi di sostegno.
Solitamente le griglie a spirale, anche di valvole importanti e costose come la 212 Western Electric, sono banalmente avvolte attorno a due alberi laterali di sostegno; ovviamente utilizzare un sistema del genere con griglie di ampia superficie, espone a significativi problemi di microfonicità.
Nella valvola RS285, gli alberi di sostegno della griglia sono quattro e sono strategicamente distribuiti nella parte centrale, dove insiste la massima temperatura di esercizio, per controllarne contestualmente lo spanciamento e la microfonicità.
In aggiunta, ogni spirale della griglia è saldata a due alberi verticali collocati lateralmente, ad ulteriore garanzia della tenuta in forma e della ridotta sensibilità alle vibrazioni.



http://ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Unison212E



Registrato: 23/02/11 18:31
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Gio Feb 24, 2011 2:47 am    Oggetto: Amplifier Western Electric 212E & Tango transformer. Rispondi citando

This is the best and very informative site for high power amplifier.
I just finished an amplifier using Western Electric 212E triode and Tango X10S & NC20 transformer and would like to contribute to this web site. The amplifier put out 28W Class A, with -0.3db @ 20Hz and -1.2db @ 20Khz at full power.





L'ultima modifica di Unison212E il Gio Feb 24, 2011 5:01 am, modificato 27 volte
Top
Profilo Invia messaggio privato
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1900

MessaggioInviato: Gio Feb 24, 2011 3:42 am    Oggetto: Rispondi citando

Hello Unison
welcome to the forum and thanks for the compliments.

Your contribution is greatly appreciated… congratulations for your wonderful amplifier Very Happy

As for the images, there is a compatibility problem with the provider audiocircle.com.
To test, put the images in any other provider.



www.ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Unison212E



Registrato: 23/02/11 18:31
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Gio Feb 24, 2011 5:05 am    Oggetto: Rispondi citando

This amplifier can use 211 or 845 as driver tube. It is also designed to use power tube :813, 211, 845, 212E, GM70, GU13, GK71 tubes, it will take about 1 hr to change to any listed power tube.

With regulated supply, I can adjust B+ anywhere from 900-1200V to adapt to other power tube. Below is the regulator circuit for input tube (400-600V) and power tube (900-1200V).


Top
Profilo Invia messaggio privato
Unison212E



Registrato: 23/02/11 18:31
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Gio Feb 24, 2011 6:13 am    Oggetto: Rispondi citando

For higher power, I build a 845 Parallel Push Pull using Tango.

This amplifier give 95 watt pure class A without negative feedback. My favorite amplifier, even for my high efficiency speaker system.

I experiment with all power tube in this amplifier: EL84-> KT66PP->845PPP.



Top
Profilo Invia messaggio privato
Unison212E



Registrato: 23/02/11 18:31
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Mer Mar 02, 2011 7:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

845PPP meet 212E
Top
Profilo Invia messaggio privato
paolo60333



Registrato: 31/01/11 23:07
Messaggi: 1

MessaggioInviato: Ven Mar 04, 2011 11:44 pm    Oggetto: Amplificatori con i triodi 810? Rispondi citando

Tempo fa ebbi modo di ascoltare un impianto high end di un noto costruttore del Nord Est che usa nei suoi apparecchi di punta i triodi 810.
Confesso la mia assoluta delusione nel sentir suonare quelle grosse e visivamente assai belle elettroniche.

Parlare di autentico disastro sonico è sicuramente il caso. E dire che è difficile sentire un impianto che vada così male corre di pari passo.

Che ne dite di questo triodo? E' forse una perdita di tempo e di mezzi il volerlo ficcare in apparecchi per uso audio?

Avete esperienza con le 810? In caso affermativo sono curioso di conoscere un vostro spassionato giudizio.
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
ANSA
Site Admin


Registrato: 31/05/07 23:32
Messaggi: 1900

MessaggioInviato: Sab Mar 05, 2011 8:51 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Paolo,
benvenuto nel forum Smile

Credo d’intuire quale sia il produttore del nord-est e ritengo di aver individuato l’ampli con 810 a cui ti riferisci, però sarebbe meglio dettagliare in maniera più chiara… nomi, marche e modelli.
Per questo genere di discorsi, l’ideale sarebbe la sezione AUDIO del forum, perchè è riservata ai soli iscritti, quindi permette di formulare le questioni in maniera esplicita e di replicare senza giri di parole.

Perciò se ti va, potresti aprire un thread in sezione Audio… e magari indicare anche, quale ampli a valvole preferisci per resa musicale.



www.ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
Unison212E



Registrato: 23/02/11 18:31
Messaggi: 7

MessaggioInviato: Mar Mar 08, 2011 5:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

I found out something interesting, the following is a quote from Peter Qvorup in AUdio Asylum, regarding the negative feedback in the Ongaku:

"
in early 1994 ANUK even paid to send an engineer to Japan to teach and train AN-J staff in quality control procedures, product consistency and layout (amongst other matters showing them how to get the power supply quiet enough to remove the feedback from the ONGAKU). Techniques and concepts that did not at the time exist in any measure at the AN-J factory, one of many such small investments that helped make the AN-J products more saleable.
"

That meant that some early Ongaku like the one in the picture has negative feedback, some later one dont have it.



ANSA ha scritto:

http://ansaht.com/uv638jed4/OGK/DSCN3403-2.jpg

Il mito che accompagna l’Ongaku, rende superflue le presentazioni.
Pur tuttavia l’argomento è ben lungi dalla trattazione esaustiva, vista la scarsità nel WEB di informazioni e foto riguardanti il suo interno.

Questo giustifica l’insolita prospettiva scelta per la prima immagine, che prelude alla successiva veduta "dentro il cofano".
Il cuore dell’apparecchio è denso di spunti, ma su tutti attira l’attenzione la presenza di un cavetto schermato, che preleva il segnale direttamente sui morsetti d’uscita e lo riconduce ai circuiti di pilotaggio.
Negli schemi dell’Ongaku reperibili nel WEB, sono individuabili alcune differenze tra esemplari diversi, riguardanti per esempio l’alimentazione dei filamenti delle valvole finali, ma prima d’ora non mi erano note versioni controreazionate.

http://ansaht.com/uv638jed4/OGK/DSCN3406-4.jpg



http://ansaht.com
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> vorrei svegliarmi un giorno e ritrovare tutte le cose in cui credevo Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Successivo
Pagina 8 di 9

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it